In caso di incendio il pericolo è dato dalle fiamme, dal fumo e, soprattutto, dalla mancanza di preparazione delle persone nell’affrontare situazioni di allarme. Il panico e la calca possono essere pericolose quando, e a volte di più, del fuoco, soprattutto in ambienti affollati e senza una guida precisa.

Per questo motivo la legge impone norme per la Gestione Sicurezza Antincendio (spesso abbreviata con l’acronimo GSA) che riguardano i condomini.

Di recente sono state fatte modifiche al Decreto 16 maggio 1987, n. 246 “Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione”, quindi è il caso di rivedere questo argomento importante per chiunque viva in un condominio.

 

Modifiche alla Gestione Sicurezza Antincendio

LA GSA ha avuto un’evoluzione quando il 5 febbraio 2019 sulla Gazzetta Ufficiale è stato pubblicato il Decreto 25 gennaio 2019 riguardante le “Modifiche ed integrazioni all’allegato del decreto 16 maggio 1987, n. 246 concernente norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione”.

Le modifiche sono soprattutto nell’Allegato 1 e riprendono le indicazioni inserite dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco nella guida “Requisiti di sicurezza antincendio delle facciate negli edifici civili” (nota 5043 del 15 aprile 2013).

Ad essere presi in esame sono i condomini avete altezza antincendio maggiore o uguale a 12 metri. La legge è applicata ai palazzi di nuova costruzione e anche a quelli esistenti se, dopo l’entrata in vigore del decreto, vengono sottoposti a lavori di rifacimento delle facciate per un’area superiore al 50%.

È giusto sottolineare che per altezza antincendio s’intende: l’altezza massima misurata dal livello inferiore accessibile ai mezzi di soccorso, fino all’apertura più alta dell’ultimo piano abitabile e/o agibile, escluse quelle dei vani tecnici.

 

Come funziona la GSA oggi

Il DM 25 gennaio 2019 fissa dei requisiti per le facciate degli edifici e in particolare la capacità di limitare il propagarsi del fuoco e del fumo e di non far cadere parti della struttura. Tutte le indicazioni sono inserite nell’Articolo 2 del Decreto.

Nell’Allegato 1 sono inserite tutte le norme e i dispositivi da utilizzare nei condomini, ma le strutture abitative sono suddivise secondo l’altezza antincendi (h) in 4 Livelli di Prestazione (L.P.):

  • P. 0 edifici di tipo a) à h da 12 a 24 m
  • P. 1 edifici di tipo b) e c) à h da 24 a 54 m
  • P. 2 edifici di tipo d) à h da 54 a 80 m
  • P. 3 edifici di tipo e) à h superiori a 80 m

Al crescere del livello di prestazione del condominio aumentano anche le regole per le gestione della sicurezza antincendio.

LP0: il responsabile stabilisce le misure da mettere in atto in caso di incendio, cura l’efficienza delle attrezzature antincendio, informa correttamente i condomini sui comportamenti da attuare in caso di emergenza.

LP1 : si deve organizzare la GSA seguendo quanto inserito nella tabella 9-bis.3.2 – L.P.1 (24 m < h 54 m), inoltre sono previste indicazioni per gli occupanti, misure preventive e la pianificazione dell’emergenza con compiti e funzioni e planimetrie con indicazione delle vie d’esodo.

LP2 :necessitano delle stesse procedure degli edifici L.P.1 e in più devono avere un allarme antincendio manuale con indicatori ottici e acustici. In questi condomini di altezza tra i 54 e gli 80 metri occorre pianificare l’emergenza con attività che riguardano anche la messa in funzione dell’allarme, oltre alla ovvia diffusione delle informazioni utili per l’evacuazione d’emergenza.

Quando l’altezza del condominio supera gli 80 metri, LP3, è necessario nominare un Responsabile della GSA e un Coordinatore dell’emergenza, oltre al Responsabile dell’attività che è presente anche nelle strutture precedentemente prese in esame.

Le misure antincendio per gli L.P.3 sono più impegnative. Per le attività preventive devono essere attuare tutti gli adempimenti del L.P.2, ma in più devono essere presenti nella struttura il centro di gestione dell’emergenza e il Sistema EVAC realizzato a regola d’arte.

Per avere un valido supporto nella Gestione Sicurezza Antincendio rivolgiti a noi di Gestirsi Service, i nostri esperti ti daranno tutte le informazioni necessarie.

Pubblicato in data 08 / 01 / 2020